Le iene – Morire per una leggerezza

Incredibile…

 

Fonte: http://www.iene.mediaset.it/
Le foto presenti sul sito sono state in larga parte reperite su Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo all’indirizzo e-mail admin@soccorritori.ch, lo Staff provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.
Print Friendly, PDF & Email

Un commento

  1. DC74

    Premessa doverosa,ritengo le Iene un programma di bassissimo livello,che sfrutta il clamore populista per accaparrare audience,dopo una sfrenata difesa di Vannoni se ne sono lavati le mani senza degnarsi di scusarsi per aver pubblicizzato un ciarlatano della peggior specie.
    Credo di avere abbastanza presente che,purtroppo,in campo medico,in ogni stato o nazione,ci siano bravi professionisti come i peggiori cani,come d’altronde in ogni campo professionale.La realtà specifica presentata non la conosco ma il sistema della ex GM è univoco in campo nazionale.
    Il medico intervenuto dovrà sicuramente rendere conto delle scelte professionali fatte in quella sede,di quello che ha fatto o non fatto in scienza e coscienza,quello che mi preme sottolineare è che come sempre le Iene fanno a gara per il caso di malasanità di turno,disquisendo di cose di cui non hanno la minima idea (la diagnosi differenziale per IMA o AAA o epigastralgia non credo sia bagaglio della media dei loro giornalisti)lasciando completamente perdere invece il punto focale di questa triste vicenda:il servizio di ex GM e l’organizzaione del 118.
    Parliamo del fatto che chi fa continuità assistenziale (ex GM) non ha nessun tipo di strumento in dotazione,chi lo ha (DAE,cardiolina,saturimetro,medicamenti,materiale per infusione etc)lo fa perché se li compra,parliamo del fatto che la situazione dei fondi non garantisce di poter coprire capillarmente il territorio con ambulanze e che le stesse ambulanze non hanno a bordo professionisti con ampio range operativo sul paziente.Se invece si vuole ridurre tutto al solito caso di malasanità percarità,lo si faccia,ma questo non servirà a nessuno se non agli autori del programma.

Lascia un commento