Il Governo inasprisce la lotta contro il coronavirus

Il Governo inasprisce la lotta contro il coronavirus

Berna segue l’esempio del Ticino. Sommaruga: «La situazione è critica»
Molti altri i provvedimenti: restrizioni alla frontiera con l’Italia, massimo 50 persone nei locali pubblici, no alle manifestazioni e 10 miliardi a sostegno dell’economia

Dall’Italia solo frontalieri, dimoranti e cittadini svizzeri, scuole chiuse fino al 5 aprile, al massimo 50 persone nello stesso momento nei locali pubblici, vietate le manifestazioni con più di 100 persone e 10 miliardi di franchi a sostegno dell’economia. Sono queste le principali novità comunicate poco fa dal Consiglio federale.

«La situazione è critica» – «La situazione è critica ma abbiamo la possibilità e i mezzi per affrontarla sul piano medico e finanziario», ha detto la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga aprendo la conferenza stampa sulle misure adottate dal Governo per lottare contro il coronavirus, i cui casi sono oltre 1’000, di cui 215 in Ticino.

Frontalieri, dimoranti e svizzeri – Da subito possono entrare in Svizzera dall’Italia solo i cittadini svizzeri, le persone con un permesso di soggiorno e quelle che devono venire nel nostro Paese per motivi professionali (i frontalieri). Il traffico di transito e il trasporto merci non sono toccati dal provvedimento odierno del Consiglio federale.

Potranno in ogni caso continuare a varcare il confine con l’Italia le persone in situazione di assoluta necessità, spiega una nota governativa odierna. Simili provvedimenti restrittivi servono, in primo luogo, a proteggere la popolazione residente nella Confederazione e ad assicurare al sistema sanitario elvetico le risorse necessarie.

L’esecutivo monitora inoltre costantemente la situazione: se necessario estenderà i provvedimenti alla frontiera ai viaggiatori di altri Paesi o regioni.

Scuole – Le scuole resteranno chiuse in tutta la Svizzera fino al 5 aprile. I cantoni – così come comunicato questa mattina dal Governo ticinese – possono prevedere offerte di custodia per evitare che i bambini vengano accuditi dai nonni, che rientrano nel gruppo delle persone maggiormente a rischio.

Gli esami già previsti possono essere tenuti soltanto se vengono adottate determinate misure di sicurezza.

Massimo 50 persone nei locali – Da subito e fino alla fine di aprile nei ristoranti, nei bar e nelle discoteche non è ammessa la presenza di più di 50 persone. In questo modo – spiega l’esecutivo – è più facile mantenere la distanza reciproca di sicurezza.

Stop alle manifestazioni – Da subito e fino alla fine di aprile sono vietate le manifestazioni con più di 100 persone. Questo provvedimento si applica anche alle strutture del tempo libero, quali i musei, i centri sportivi, le piscine e le stazioni sciistiche.

10 miliardi per l’economia – Circa 10 miliardi di franchi è la somma che il Consiglio federale intende mettere a disposizione dell’economia per mitigare le conseguenze dell’epidemia di coronavirus.

Aiuti allo sport – Sono anche previsti provvedimenti per aiutare gli organizzatori di eventi sportivi e il settore culturale. Per le squadre professionistiche sono previsti in particolare fino a 50 milioni di aiuti.

Fonte: https://www.tio.ch
Le foto presenti sul sito sono state in larga parte reperite su Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo all’indirizzo e-mail admin@soccorritori.ch, lo Staff provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento