Come agevolare i soccorritori

Vi propongo un articolo scritto da una First Responder, Prisca Rizzi, pubblicato anche sul suo blog personale, https://cuorediloto.wordpress.com .

Come agevolare i soccorritori e sfatiamo alcuni pensieri frequenti

Questo week end ho rinnovato il brevetto come first responder che in ticino è legato alla fondazione Ticino Cuore. Questo brevetto insegna ad utilizzare il defibrillatore automatico e a prestare i primi soccorsi nell’attesa che arrivino i professionisti.
La mia personale opinione è che dovremmo essere almeno 1 ogni 10 abitanti attivi con l’applicazione di ticino cuore, questo aiuterebbe un intervento tempestivo anche nei paesi dove i soccorsi tardano ad arrivare, così si riuscirebbe ad aumentare il numero di sopravvissuti senza danni cerebrali gravi. Non si è obbligati ad intervenire se si è impossibilitati ma più siamo più è facile che qualcuno possa accorrere. Per informazioni andate a curiosare nel sito di Ticino Cuore.
Quando i soccorritori arrivano sul posto la tempestività nella somministrazione delle cure giuste può fare la differenza. Ma come possiamo aiutarli?
Un modo per comunicare anche in caso di incoscienza esiste, il vostro cellulare…. I CELLULARI MODERNI CONSENTONO DI INSERIRE DELLE INFORMAZIONI E I NUMERI DA CHIAMARE IN CASO DI INCIDENTE, ai quali è possibile accedere anche senza avere il codice di sblocco. Questa è una grande risorsa che va usata, quindi appena avete finito di leggere andate subito a mettere i dati importanti; dati clinici, allergie, malattie, ecc. C’è la possibilità di aggiungere i numeri da chiamare in caso succedesse qualcosa, o per i soccorritori o all’ospedale potrebbero essere molto utili.

Dovreste trovare informazioni su come fare toccando il telefono e schiacciando chiamata di emergenza; si apre la tastiera per comporre il numero, ci sono 2 simboli, dati emergenza(questi sono nel samsung, ma anche se diversi ci sono in ogni smartphon) se non sono ancora compilati vi dice come fare. Nel mio caso ho dovuto aggiungere i contatti che volevo al gruppo ICE già impostato di base, i miei dati invece ho potuto aggiungerli entrando nella rubrica, al primo posto c’è il vostro nome con il numero, aprite il contatto cliccate modifica e troverete tutto. Ci vogliono 5 minuti, ma possono salvarvi la vita. Nell’i-phon per essere visibile deve essere prima compilata la cartella medica personale che trovate nell’applicazione salute e abilitata.
Qui potete anche scrivere se siete o meno donatori di organi, non fa legalmente testo, ma può dare un’ indicazione del vostro desiderio a chi dovrà prendere una decisione, che siate o meno donatori non cambierà nulla nei soccorsi che vi verranno dati, faranno di tutto per salvare la VOSTRA vita.
Ora dopo aver toccato argomenti che nei più scaramantici avranno scatenato una serie disparata di rituali, vorrei sfatare alcune credenze popolari (parlo per la Svizzera, altrove non so come funziona).

SE CHIAMO L’AMBULANZA PER ALTRI E LORO NON LA VOGLIONO DEVO PAGARE IO? assolutamente NOOOO; se trovate una persona in seria difficoltà, che secondo voi necessita di cure chiamate il 144, loro sapranno cosa bisogna fare, se poi la persona rifiuta le cure le faranno firmare un foglio e nessuno paga nulla.

SE CHIAMO L’AMBULANZA POI DEVO FERMARMI LI FINO A QUANDO NON ARRIVANO anche questo NON è VERO, certo, l’operatore vi chiederà se potete fermarvi, o vi indicherà come prestare soccorso, ma se avete un appuntamento inderogabile, vi state recando al lavoro o rischiate di sentirvi male anche voi, non siete obbligati a fermarvi, sarebbe utile se trovaste tra i passanti qualcuno che possa farlo, ma la telefonata al 144 è già un primo soccorso, FATELA.

NON LO TOCCO PERCHÈ SE SUCCEDE QUALCOSA MI DENUNCIA, una persona in arresto cardiaco, se non rianimato, va incontro alla morte, una persona priva di conoscenza ha un alto rischio di reflusso gastrico, di soffocare e quindi morire. Se non lo aiutate può solo morire, come detto prima è importante la chiamata (magari prima assicuratevi che non stia solo dormendo) gli operatori vi assisteranno, vi diranno esattamente cosa fare e come, se vi sentite di prestare soccorso,fino all’arrivo dei professionisti. È invece certo che potete essere denunciati se non fate nemmeno la telefonata, se provocate un incidente e scappate (in questo caso dovete stare sul luogo fino all’arrivo dei soccorsi o della polizia), questi sono 2 esempi di OMISSIONE DI SOCCORSO. Sarete sicuramente denunciati anche se avete visto troppi telefilm e vi improvvisate chirurghi facendo ad esempio una tracheotomia con una biro o una cannuccia o altre cose assurde a cui non posso nemmeno pensare…

 

Quindi in definitiva aiutare è semplice, non vi costa nulla ma potete salvare una vita.

Fare il brevetto BLS-DAE è importante così anche attivarsi come first responder, ma nel frattempo ricordatevi di :

  • chiamare il 144 dire dove siete e descrivere la situazione
  • intervenite SOLO se non è pericoloso per la vostra incolumità (corrente, luogo pericoloso, situazione pericolosa) e con il supporto telefonico degli operatori
  • una persona si può salvare con un semplice decubito laterale o con un massaggio cardiaco, non servono gesti eroici.

Nella speranza che non ce ne sia mai bisogno vi auguro una splendida giornata.

Print Friendly, PDF & Email

Add a Comment