ZOLL AED 3 BLS

Defibrillatori, la rivoluzione è arrivata: ZOLL lancia ZOLL AED 3 BLS

Facile da usare, facile da gestire e facile da mantenere. I nuovi defibrillatori ZOLL AED 3 e ZOLL AED 3 BLS con monitoraggio delle compressioni ed elettrodi universali sono una rivoluzione nel mondo della defibrillazione. Vi spieghiamo il perché:

Che cosa vi aspettate da un defibrillatore? ZOLL ha posto questa semplice domanda a migliaia di soccorritori in tutto il mondo ed ha stilato una lista di necessità disattese da molti apparecchi oggi in commercio; poi ha messo al lavoro i suoi ricercatori e progettisti, per arrivare ad una soluzione definitiva. E dalle prime impressioni, sembra proprio che la multinazionale americana abbia centrato il suo obiettivo con il nuovo ZOLL AED 3.

UN DAE FACILE PER TUTTI, COMPLETO PER IL SOCCORRITORE

ZOLL ha deciso di partire dalla base dell’ottimo AED Plus (che dal 2002 è il defibrillatore scelto da migliaia di soccorritori in tutto il mondo) e dalla linea professionale dei defibrillatori ZOLL AED PRO, per fare qualcosa di completamentenuovo, sia dal punto di vista dell’hardware sia da quello software. Per questo ZOLL AED 3 non solo è facile da usare ma risponde anche a quattro classiche esigenze di laici e First Responder di tutto il mondo che si apprestano ad utilizzare un DAE.

SUPPORTO CON FEEDBACK AL MASSAGGIO CARDIACO

Prima di tutto ZOLL AED 3 con la funzione Real CPR Help supporta in tempo reale le manovre di rianimazione dando un feedback immediato al soccorritore. Una tecnologia inventata da ZOLL che continua ad essere affinata dando sempre migliori risultati, anche grazie all’ampio display del dispositivo, luminoso e ben visibile.

TRACCIATO, COMPRESSIONI E SUPPORTO VOCALE CHIARO

Nella versione BLS il monitor integra una CPR Dashboard che mostra profondità dellecompressioni e frequenza effettiva in formato numerico, che segnala in rosso quando questi parametri non sono adeguati a quanto richiesto dalle nuove linee guida. Il supporto attivo prevede anche la visualizzazione dell’ECG del paziente, un metronomo per aiutare l’operatore a massaggiare con il giusto ritmo e un timer che segnala il tempo trascorso dall’accensione del DAE, il tempo restante per il ciclo di RCP in corso e ilnumero di scariche già erogate. In entrambe le versioni (ZOLL AED 3 e ZOLL AED 3 BLS) il monitor del defibrillatore darà chiari messaggi vocali al soccorritore indicando quando applicare una maggiore compressione e quando si stanno facendo compressioni adeguate.

UN SOLO ELETTRODO ADULTO/PEDIATRICO

Con ZOLL AED 3 e ZOLL AED 3 BLS è finita l’era degli elettrodi differenti per adulti e bambini. Gli elettrodi CPR Uni-padz in dotazione sono infatti universali e non c’è bisogno di cambiare set di elettrodi se l’intervento dev’essere effettuato su un paziente pediatrico. Non serve neppure una chiave di dispersione di energia: per selezionare la modalità pediatrica basta premere il pulsante corrispondente sul DAE.

COMUNICAZIONE IMMEDIATA DEI DATI ALLA CENTRALE VIA WI-FI

Il debriefing di un intervento di rianimazione non sarà più un problema. La tecnologia Wi-Fi in dotazione su ogni ZOLL AED 3 BLS consente un rapido trasferimento wireless, che semplifica la trasmissione dei file relativi all’intervento a RescueNet CaseReview. Grazie a questo strumento di nuova generazione, è possibile trasmettere tutti i dati dell’intervento di soccorso all’ospedale e costruire un archivio di tutti i casi per analizzare la qualità della RCP. Inoltre ZOLL AED 3 consente di scaricare i dati degli interventi tramite chiavetta USB, in qualsiasi momento.

CONTROLLO REMOTO COMPLETO

ZOLL ha pensato di affidarsi ad una tecnologia cloud per tenere sempre sotto monitoraggio lo stato e le funzionalità della flotta di ZOLL AED 3: con il Program Management Onboard e il sistema Plus Trac di ZOLL non ci sarà più la necessità di controllare le macchine di persona, ma si potrà conoscere lo stato di ogni apparecchio del proprio parco macchine direttamente da un tablet o da un PC. Il programma controlla automaticamente lo stato di pronto all’uso del dispositivo, la presenza e la data di scadenza degli elettrodi, lo stato di carica e la scadenza della batteria: un servizio non da poco, che assicura la presenza di un DAE sempre efficiente e realmente pronto all’uso.

INFINE, COSTI DI MANUTENZIONE DEL DEFIBRILLATORE RIDOTTI

Non manca un occhio al portafogli, perché ZOLL AED 3 è uno dei defibrillatori concosti di gestione più bassi del mercato. Questo è possibile grazie alla tecnologia degli elettrodi universali (quindi un solo kit elettrodi invece dei classici 2) e grazie alle batterie che hanno durata di 5 anni.

Fonte: http://www.emergency-live.com/
Le foto presenti sul sito sono state in larga parte reperite su Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo all’indirizzo e-mail admin@soccorritori.ch, lo Staff provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.
Print Friendly, PDF & Email

Un commento

  1. DC74

    stiamo snaturando i DAE e per vendere(di questo si tratta alla fine,è diventato un grande business)si inventano cose inutili,in questo caso personalmente ci vedo:
    -patch non più interscambiabili,l’operatore laico occasionale dovrà quindi elaborare il posizionamento delle placche
    -il monitor fu levato anni fa da Laerdal proprio perché ci si rese conto della fonte di distrazione
    -la traccia ECG servirà solo a complicare le cose in casi come quelli di DEM o PEA dove il soccorritore non sanitario vedrà una traccia e scivolerà nel dubbio del “massaggio o no?” quando nella formazione sono state tolte le ricerche dei polsi periferici o centrali.
    -il metronomo per le compressioni è sconsigliato dalle ultime linee guida 2015 proprio per la confusione che genera.
    Si spingono ai corsi determinati argomenti e poi sul mercato si trovano queste macchine,onestamente capisco il dover far cassa ,ma forse si potrebbero trovare soluzioni di mezzo.

Lascia un commento